Quando le piante uccidono: ecco uno degli alberi più pericolosi del mondo

Quando le piante uccidono: ecco uno degli alberi più pericolosi del mondo

Originario del continente americano questo è, all'apparenza, un albero normalissimo. Ma l'apparenza inganna: si tratta infatti dell'albero più pericoloso del mondo, come si afferma anche nel Guinness World Record. La ragione è presto spiegata: le sue foglie, la linfa ed anche i suoi frutti sono velenosi.

Con dei piccoli frutti di colore verde simile a delle mele, questo è un albero anche carino a guardarsi. Potremmo anche essere spinti ad avvicinarci per vederlo meglio... ma basterebbe conoscere il soprannome di questa pianta per cambiare raipdamente idea. Questa specie è spesso chiamata 'arbol de la muerte' in spagnolo, ovvero 'l'albero della morte'.

E non a caso, aggiungiamo. È in effetti considerato il più pericoloso del mondo. Un titolo presente anche nel Guinness World Record. Il segreto di questo albero è la sua estrema tossicità. Produce una tipologia di sostanze chimiche dagli effetti nefasti. Tali sostanze sono presenti in ogni singola parte della pianta: dalle foglie al tronco, dalla linfa ai frutti.

Per questo motivo viene sempre consigliato di tenersi ad una certa distanza dall'albero. "Un qualsiasi contatto o peggio ancora l'ingestione di una qualunque parte dell'alberto potrebbe risultare mortale", spiega l'Università della Florida sul suo sito. E non stavano certo esagerando: anche riposare per qualche minuto sotto l'albero potrebbe portare a conseguenze gravissime.

Un bruciore tremendo

Basta che arrivi improvvisamente la pioggia e qualche goccia cada addosso ad una persona dopo aver toccato l'albero affinché si possano avvertire gli effetti. Il semplice contatto con la pelle porta a un'intensa eruzione cutanea simile ad una bruciatura. Se viene bruciato, l'albero potrebbe provocare un'infiammazione agli occhi o in alcuni casi persino una cecità temporanea alle persone che entrino in contatto con il fumo.

Ma i pericoli maggiori derivano dai suoi frutti. Nonostante il suo aspetto appetitoso ed il buon odore, dare anche un solo morso ai frutti potrebbe avere conseguenze molto dolorose, se non mortali. Un radiologo britannico ha avuto a tal riguardo un'esperienza terribile durante un viaggio nei Caraibi. "Ho imprudentemente morso il frutto e l'ho trovato gradevolmente dolce", ha raccontato il dottore Nicola Strickland nella rivista British Medical Journal

"Pochi istanti dopo, io ed il mio amico abbiamo avvertito una sensazione 'pepata' nella bocca, che è diventata progressivamente più intensa, finché non è diventata una vera e propria sensazione di bruciore fino alla gola", ha proseguito. Nelle ore successive, i sintomi continuavano a peggiorare fino a tal punto che sia il medico che il suo amico avevano problemi a deglutire a causa del "dolore insopportabile".

Per loro fortuna, avevano morso solo una piccola parte del frutto ed i sintomi sono spariti dopo circa 8 ore.  Ma una quantità maggiore potrebbe portare a conseguenze ben più gravi. Nausea, vomito, diarrea, dolori addominali e persino emorragie, il frutto potrebbe persino portare alla morte nei casi più gravi.

I segnali di pericolo

Leggi anche
Lo strano caso della Pisonia, l'albero che uccide i volatili

Originario delle Americhe, è presente in diverse aree, dalla Florida al Messico e nei Caraibi. Se gli abitanti lo conoscono molto bene, per i turisti sono spesso utilizzati dei segnali di pericolo che vengono apposti sugli alberi. Ma occorre comunque fare molta attenzione se viaggiate in quelle zone!

Attualmente, gli scienziati ignorano il motivo che ha portato la pianta ad evolversi a tal punto da essere una pianta letale. Ma se per la maggior parte delle specie è velonoso, per altre, come ad esempio l'iguana verde, sembrano resistergli senza problema. L'animale è infatti in grado di mangiare i suoi frutti senza conseguenza e di restare senza problemi tra i suoi rami. 

Giada Di Matteo
Continua a leggere
Nessuna connessione
Verificare i parametri