I due migliori difensori al mondo secondo Paolo Maldini

I due migliori difensori al mondo secondo Paolo Maldini

Paolo Maldini è stato un difensore semplicemente leggendario. 

Tra il 1985 ed il 2009, ha giocato contro i più grandi giocatori della storia. Noto per la sua intelligenza tattica e per le sue qualità senza pari, ecco il suo parere sui migliori difensori di oggi.

 

Gli occhi azzurri del milanese si illuminano quando si tratta di parlare di calcio e difesa. Con alle spalle 25 anni trascorsi nel 'suo' Milan, Maldini è considerato come il difensore più intelligente degli ultimi 30 anni. Ritiratosi nel 2009, gli è stato chiesto cosa nel pensa delle difese di oggi e dei giocatori che lo impressionano maggiormente.

 

Un calcio diverso 

Quando si tratta di vincere - e di come farlo - Maldini può sicuramente dire la sua, avendo all'attivo 26 titoli, tra cui ben cinque Champions League. Secondo lui, comunque, oggi la difesa, nel calcio, è cambiata molto. I difensori della sua epoca erano 'veri difensori', non molto propensi con la palla tra i piedi ma erano specialisti della scivolata e dei ripiegamenti difensivi. C'è la tendenza ora per i difensori ad essere più tencnici di un tempo, salgono più spesso e creano anche situazioni di gioco.  

E così, adesso si inizia a costruire il gioco a partire dal portiere e non più dai difensori. Essi partecipano più attivamente al gioco ma hanno perso, secondo lui, l'abitudine di marcare sui calci piazzati. Oggi, i difensori sono pù completi ma meno concentrati sulla difesa. Secondo Maldini, la difesa resta sempre ciò che rende grande una squadra nel lungo periodo (da bravo italiano!).

 

Due nomi su tutti

Leggi anche
Il giocatore più ricco del mondo non è né Messi, né Ronaldo. Non lo avete mai sentito nominare

Ottenere gli elogi dell'ex capitano degli Azzurri non è da tutti. Maldini ha fatto chiaramente due nomi: Sergio Ramos e Thiago Silva. Il primo gli piace per una ragione semplicissima: segna un sacco sui calci d'angolo. Più volte decisivo, si dimentica a volte di difendere, secondo Maldini. Il secondo è un punto di riferimento per i centrali difensivi essendo un giocatore roccioso, quasi inamovibile. Con lui, Maldini ha trascorso gli ultimi anni al Milan. Fortissimo fisicamente, ha ancora molte delle qualità dei difensori centrali della sua epoca: fisico e bravura nei duelli uno contro uno.

Quando ci si chiama Maldini, viene naturale parlare di difesa. E sorprende il fatto che non abbia menzionato i suoi connazionali della difesa italiana, considerata la più solida d'Europa. Chiellini, Barzagli e Bonucci sono dei punti di riferimento per il ruolo ma Maldini ha preferito lodare le qualità di Ramos e Silva, fermo restando la bravura dei suoi compagni italiani.

Giada Di Matteo
Continua a leggere
Nessuna connessione
Verificare i parametri