Carne di maiale e alcol per punire i detenuti musulmani
Carne di maiale e alcol per punire i detenuti musulmani
Continua a leggere

Carne di maiale e alcol per punire i detenuti musulmani

Alcuni ex prigionieri hanno rivelato l'orrore vissuto quando erano detenuti in dei "campi di rieducazione" per musulmani. Secondo un rapporto pubblicato il 15 maggio, centinaia di migliaia di persone sono state imprigionate in questi campi dove si praticano la tortura e il lavaggio del cervello.

Intervistato dal Washington Post, Kayrat Samarkand ha rivelato che lo scorso novembre è stato arrestato in questo Paese perché musulmano. L'uomo di origine kazaka è stato molestato e interrogato per tre giorni. Poi lo hanno mandato in un "campo di rieducazione" dove è rimasto per tre mesi.

Carne di maiale e alcol per punire i detenuti

Omir Bekali è stato interrogato per quattro giorni in cui gli era vietato dormire. Ha trascorso sette mesi in una cella della polizia per poi essere mandato in un "campo di rieducazione" per circa tre settimane. Prima di essere arrestato, non ha potuto rivolgersi né a un avvocato né a un tribunale.

Kayrat Samarkand e Omir Bekali hanno detto che erano malnutriti e che hanno sofferto di intossicazioni alimentari. Inoltre durante la detenzione erano costretti a mangiare la carne: talvolta li hanno obbligati a mangiare carne di maiale, mentre la loro religione lo vieta. Omir Bekali ha raccontato che chi era considerato un "estremista religioso" veniva costretto a bere alcol.

Scopri dove è accaduto nel video!

 

Leggi anche:

Ecco a voi l'albero assassino 

Di Giada Di Matteo
Modificato

Nessuna connessione
Verificare i parametri