Il diabete si potrà curare con una pillola
Il diabete si potrà curare con una pillola
Il diabete si potrà curare con una pillola
Continua a leggere

Il diabete si potrà curare con una pillola

Di Paola Gentile
Modificato

Una buona notizia per i malati di diabete di tipo 2 giunge dal MIT, il Massachusetts Institute of Technology: nasce la prima pillola a base di insulina. Tutti i dettagli su questa scoperta rivoluzionaria nel video!

Il diabete di tipo 2 anche detto mellito, è una malattia metabolica caratterizzata da iperglicemia, cioè valori elevati di zucchero nel sangue; in Italia ne sono affetti 3 milioni di persone, ovvero il 4,9% della popolazione. Alla sua origine vi sono generalmente due alterazioni: insulino-resistenza e deficit di secrezione dell'insulina. Secondo gli esperti le cause di questa patologia sarebbero legate ad una combinazione tra fattori genetici ed ambientali quali: obesità, ipertensione, sedentarietà, invecchiamento, iperglicemia.

Una delle cure consiste nell'iniezione di insulina, ma i ricercatori del MIT hanno elaborato una pillola che potrebbe sostituire questa pratica! Ti diamo tutte le informazioni nel video!

Medicina alimentare

L’alimentazione per chi soffre di questa patologia deve essere a basso contenuto di grassi. I carboidrati, contrariamente a quanto spesso si pensa, non devono essere eliminati del tutto ma distribuiti adeguatamente durante la giornata e nel caso ridotti. Quella per i diabetici non può naturalmente in alcun caso essere una dieta fai da te: la consulenza di un medico è fondamentale, anche perché ogni persona è un caso a sé stante.

Nel caso in cui ad esempio il malato sia anche sovrappeso, l’alimentazione deve essere ipocalorica per consentire un progressivo calo del peso corporeo. In linea generale, comunque, è utile distribuire le calorie quotidiane in tre pasti principali e due spuntini, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio, evitando lunghi periodi di digiuno tanto quanto i pasti troppo abbondanti. L’assunzione di alcolici inoltre non è consigliata per il rischio di chetoacidosi e crisi ipoglicemiche.

Fonte: Il giornale


En plus
Nessuna connessione
Verificare i parametri