Cirrosi: sintomi, cause, trattamento, definizione, di che si tratta?

Cirrosi: a cosa è dovuta? Quando diventa visibile?

La cirrosi è una grave malattia del fegato responsabile di numerosi decessi. Ma quali sono i sintomi della cirrosi e a cosa è dovuta?

Definizione: la cirrosi, di che si tratta?

Il fegato è un organo vitale e uno dei più voluminosi del corpo umano. Situato nella parte destra dell’addome tra il diaframma e lo stomaco, il fegato ha numerose funzioni: filtra le tossine, immagazzina e trasforma i nutrimenti assorbiti dall’intestino. Crea anche alcune proteine che contribuiscono alla coagulazione del sangue, produce la bile che permette di assorbire i grassi e contribuisce a regolare i tassi di glucosio di alcuni ormoni.

La cirrosi è una malattia del fegato. È caratterizzata da una sostituzione progressiva dei tessuti sani del fegato con noduli e tessuto fibroso, alterando progressivamente la funzione epatica. Si tratta di una malattia grave e irreversibile che può rimanere stabile o evolvere.

Cause: in che modo compare la cirrosi?

La cirrosi deriva molto spesso da una malattia cronica del fegato. È causata nel 75-90% dei casi dall’abuso di alcol. In misura minore, può anche essere provocata da un’infezione virale, soprattutto un’epatite B (5% dei casi) o un’epatite C (15-25% dei casi).

Sintomi: come si manifesta la cirrosi?

La cirrosi è una malattia silenziosa che si manifesta quando l’80% delle cellule epatiche sono colpite. È a questo punto che compaiono i sintomi, che comprendono:

- grande fatica, perdita di appetito e dimagrimento (primi sintomi)

- nausea e diarrea

- aumento del volume dell’addome (accumulo di liquido nella pancia)

- ittero

- emorragia digestiva dovuta a un’ipertensione portale (urgenza medica). Causa vomiti di sangue o feci molto nere

Questi sintomi generici conducono i malati a consultare il medico e a effettuare un bilancio della salute. In caso di sospetto di cirrosi, il medico proverà a palpare il fegato, la milza e cercherà la presenza di rossori a livello dei palmi delle mani o della pelle.

Per confermare la diagnosi, dev’essere effettuata una biopsia del fegato per visualizzare le lesioni fibrose caratteristiche. Le analisi del sangue permettono di valutare il funzionamento del fegato e un’ecografia aiuterà a precisare l’aspetto dell’organo. Questi esami forniranno anche alcune piste sulla causa della malattia.

Trattamento: come trattare la cirrosi?

La cirrosi è una malattia irreversibile. Non esiste un trattamento efficace per curarla, oltre al trapianto di fegato. Il malato può tuttavia limitare i fattori aggravanti trattando la causa della malattia.

Quando la cirrosi viene chiamata alcolica, l’astinenza è indispensabile Nel caso di cirrosi associata a una sindrome metabolica, come il diabete, il paziente deve perdere peso, tenere sotto controllo il diabete e abbassare il tasso di lipidi nel sangue. Infine, quando è causata da un’epatite virale, devono essere amministrati trattamenti antivirali.

In misura minore, il paziente affetto da cirrosi deve modificare il proprio modo di vivere. Prima di tutto, smettendo di bere. Poiché il fumo aggrava la malattia, è necessario smettere. Alcuni farmaci e droghe possono avere un effetto tossico sul fegato e devono essere evitati. Parlatene al vostro medico.

Le complicanze della cirrosi

Leggi anche
Epatite: A, B, C, tutto ciò che c’è da sapere

In assenza di assistenza medica o in caso di igiene di vita inadatta, la cirrosi del fegato conduce a uno stadio chiamato scompenso, in cui l’organo non è più capace di assicurare le sue funzioni. Ciò causa la comparsa di complicanze come ittero (la pelle e la parte bianca degli occhi diventano gialle), un’encefalopatia o la comparsa di varici a livello dell’esofago.

La cirrosi del fegato può anche provocare un aumento di infezioni batteriche e un cancro del fegato. Quando la cirrosi è avanzata al punto di minacciare la vita del malato, l’unica opzione è il trapianto epatico, o trapianto del fegato.

Tuttavia, l’operazione comporta dei rischi e richiede un donatore compatibile. Le liste d’attesa possono essere lunghe.

Giada Di Matteo
Nessuna connessione
Verificare i parametri