VIDEO: Guardate come la nicotina si introduce in un neurone

VIDEO: Guardate come la nicotina si introduce in un neurone

Un nuovo studio rivela in immagini l'invasione di un neurone da parte di una molecola di nicotina. Questo affascinante video apre a scoperte rivoluzionarie sui meccanismi della dipendenza.

Quando la nicotina entra nel corpo, non si accontenta di restare sulla superficie delle cellule. Un nuovo studio rivela in immagini come questa molecola penetri nel cuore dei neuroni e li alteri dall'interno. Questa ricerca permette di osservare direttamente il viaggio della nicotina nel corpo e ci insegna di più sull'emergenza della dipendenza che suscita.

Una trappola fluorescente

I recettori nicotinici (nAChR) sono prodotti da cellule in una struttura chiamata reticolo endoplasmatico. Quando la nicotina entra nel sangue attraverso l'inalazione del fumo di sigaretta o altri metodi, viaggia fino al cervello, dove si lega ai recettori sulla superficie dei neuroni. Questa connessione provoca quindi il rilascio di composti chimici legati ai sentimenti di gioia e ricompensa.

Quello che succede quando la nicotina penetra all'interno della cellula è rimasto a lungo un mistero. Tuttavia, un team di ricercatori ha recentemente sviluppato un biosensore impressionante. È composto da una proteina in grado di aprirsi e chiudersi, il cui ruolo è quello di catturare la molecola di nicotina, e da una proteina fluorescente che si attiva solo una volta che questo primo compito è stato completato.

Guarda il video per vedere come la nicotina penetra in un neurone! 

Fumare di più per fumare di più

Leggi anche
La sigaretta elettronica è davvero priva di rischi?

I loro risultati rivelano che quando la nicotina raggiunge le cellule, ci vogliono solo pochi secondi per penetrare nel reticolo endoplasmatico e promuovere l'implementazione di ulteriori recettori nicotinici sulla superficie del neurone. Quest'ultimo diventa quindi più sensibile alla nicotina: più una persona fuma, più riceve rapidamente la sensazione di ricompensa, il che contribuisce al rafforzamento della dipendenza.

Dopo questo primo studio condotto su cellule isolate in laboratorio, i ricercatori ora desiderano riprodurre l'esperimento sui neuroni di topi vivi per confermare che l'azione intracellulare della nicotina si svolge in modo simile. Il biosensore sviluppato dal team verrà anche utilizzato per studiare i meccanismi di azione di altri farmaci e droghe.

• Paola Gentile
Continua a leggere
Nessuna connessione
Verificare i parametri