Birmania: le immagini scioccanti di un turista cinese che uccide un orso in gabbia

Birmania: le immagini scioccanti di un turista cinese che uccide un orso in gabbia

In Birmania, un uomo è stato filmato mentre uccideva un orso con un’arma da guerra. L’animale appartiene ad una specie in via d’estinzione.

La scena ha scioccato numerosi internauti. Un cinese si trova di fronte ad una gabbia, nella quale è rinchiuso un orso. L’uomo è munito di un’arma da guerra, un’AK47. In un primo momento, si vede l’animale che apre le fauci. L’uomo si rivolge all’orso: “Ti ho detto di non aprire la bocca. Ricomincia e ti stendo.” L’inquadratura successiva mostra che egli punta alla sua testa, poi che spara. L’animale crolla, morto sul colpo. Ma le immagini non si fermano qui: in quelle successive vediamo le zampe e la testa dell’animale, tagliate a pezzi e riposte su un lenzuolo, poi scorgiamo degli uomini che spezzettano il cadavere.

La versione dell'uomo 

In seguito alle numerosissime condivisioni sui social network cinesi, l’uomo, del quale non si conosce l’identità, ha realizzato un video in cui spiega il suo gesto. Stando a quanto dice, l’orso era condannato per aver ferito delle persone.


Essendo un turista “curioso”, ha voluto uccidere l’orso in prima persona. L’uomo riporta anche di avere ricevuto l’autorizzazione e un’arma dal governo birmano, e di aver perciò fatto giustizia. Conclude il suo video parlando di protezione degli animali: “Questo video non è fatto per essere condiviso (…). Prendetelo come una lezione, proteggete gli animali. A cominciare da voi stessi.

Leggi anche
India: il duello mozzafiato tra un orso e una tigre del Bengala

Una dichiarazione riuscita piuttosto male, dato che l’animale che ha abbattuto era un orso nero dell’Asia, una specie classificata come vulnerabile e ancora vittima del contrabbando. Infatti la medicina popolare cinese attribuisce delle virtù creative alla sua bile, alle sue zampe e ai suoi denti.

Per il momento, non si sa se l’uomo verrà perseguito dalle autorità cinesi.

Ti mostriamo le immagini sconcertanti nel video. 

• Giada Di Matteo
Continua a leggere
Nessuna connessione
Verificare i parametri