Scoperta l'origine del morbo di Parkinson

Scoperta l'origine del morbo di Parkinson

I ricercatori hanno scoperto dove si trova la molecola responsabile del morbo di Parkinson. Un passo in avanti decisivo per la comprensione di questa malattia… Scopri i dettagli.

Cos’è il morbo di Parkinson ?

Si tratta di una malattia degenerativa. Si caratterizza per la perdita progressiva dei neuroni che determina numerosi problemi di natura motoria e psichica. Colpisce l’area del cervello propensa a produrre e liberare un neurotrasmettitore chiamato dopamina che ha un ruolo fondamentale nel controllo dei movimenti del corpo. Il morbo di Parkinson si manifesta spesso negli ultrasessantenni. Dopo l’Alzheimer, è la seconda malattia neuro degenerativa più diffusa.

Cos’hanno scoperto i ricercatori ?

Già nel 2003, alcuni studiosi avevano scoperto che, nei malati, era presente una proteina, la cosiddetta a-sinucleina (o alfa-sinucleina) nella zona del sistema nervoso che controlla l’intestino. Ad orientare gli scienziati, un altro indizio : uno dei primi sintomi di questa malattia è la costipazione. Il nervo vago, che collega il cervello all’intestino tenue sarebbe uno dei primi ad essere intaccati. I risultati della ricerca sono stati pubblicati nella rivista scientifica Neuron.

Così, alcuni ricercatori dell’Università John Hopkins (Stati Uniti), si sono dedicati specificatamente a questo aspetto. Hanno condotto esperimenti su alcuni topi geneticamente modificati che quindi non producevano più l’a-sinucleina e su altri che avevano subito una sezione del nervo vago. Infine, ad alcuni topi, i ricercatori avevano iniettato « una forma precorritrice delle aggregazioni di a-sinucleina » spiega Heidi.news.

Quali sono state le conclusioni ?

Leggi anche
Ecco ciò che succede al tuo corpo se non bevi alcol per un mese

Gli scienziati hanno poi verificato se le aggregazioni di alfa-sinucleina si formassero nel cervello dei mammiferi e se si verificasse una neurodegenerescenza. Risultato, sette mesi dopo le prime iniezioni, i ricercatori hanno dato agli animali il materiale per costruire il nido e hanno assegnato un punteggio da 0 a 6 a seconda della qualità della loro costruzione.

Le cavie che avevano subito la sezione del nervo vago hanno ricevuto un punteggio tra 3 e 4, in altre parole, erano riuscite nell’impresa ; quelle a cui era stata iniettata l’a-sinucleina, con un punteggio da 0 a 1, si mostravano totalmente disorientate e non riuscivano a costruire il nido. Queste ultime non erano riuscite a sfruttare tutte le risorse che gli erano state fornite dai ricercatori, contrariamente all'altro gruppo.

Paola Gentile
Continua a leggere
Nessuna connessione
Verificare i parametri