Polmonite: sintomi, contagio, trattamento. Di cosa si tratta?

Polmonite: sintomi, contagio, trattamento. Di cosa si tratta?

La polmonite è un’infezione molto contagiosa. Ne esistono diversi tipi, come la polmonite da inalazione, la polmonite infettiva o la polmonite interstiziale. Quali sono i sintomi e qual è il trattamento?

Definizione: cos'è la polmonite?

La polmonite designa etimologicamente tutte le malattie dei polmoni. Il termine è tuttavia utilizzato per riferirsi a un’infezione polmonare causata da un batterio, un virus o un fungo.

Bisogna distinguere la polmonite che colpisce gli alveoli, la polmonite interstiziale che attacca il tessuto interstiziale e la broncopolmonite che colpisce i bronchi e gli alveoli.

Al contrario della bronchite, che attacca solo le vie aeree inferiori (i bronchi), la polmonite colpisce il polmone profondo ed è molto meno frequente. Le persone più colpite sono quelle che presentano fragilità polmonare, enfisema e bronchite cronica.

Cause della polmonite

È possibile distinguere diversi tipi di polmonite.

Le polmoniti infettive (o comunitarie):

Il contagio della polmonite avviene soprattutto per via aerea. Il batterio più comune è lo Streptococcus pneumoniae (o pneumococco), ma altri batteri sono l’Haemophilus influenzae o la Moraxella catarrhalis. Sono responsabili di broncopolmonite ostruttiva o di polmonite lobare acuta.

L’origine della polmonite può anche essere virale. Molto spesso è causata dal virus dell’influenza e della varicella. È comune quindi nel periodo invernale.

La polmonite da inalazione segue un’aspirazione alimentare. Gli alimenti si fermano nelle vie respiratorie e s’infettano. In alcuni casi, può essere mortale.

Le polmoniti interstiziali:

Si tratta di una malattia del tessuto polmonare interstiziale posizionato tra i vasi sanguigni e gli alveoli. Può evolvere in complicanze gravi come un’insufficienza respiratoria o una fibrosi polmonare.

Le polmoniti immunologiche (da ipersensibilità):

Colpiscono i malati in cui l’albero respiratorio è ipersensibile e sono dovute all'inalazione cronica di polveri organiche. Le persone esposte a inquinamento, alla polvere o al fumo di sigarette sono più a rischio.

Leggi anche
Ecco ciò che succede al tuo corpo se non bevi alcol per un mese

Sintomi della polmonite

I sintomi della polmonite possono variare in base al germe che la causa. Tuttavia, i segni clinici più comuni della polmonite sono:

- febbre alta (fino a 41°C)

- brividi

- tosse (secca e poi grassa)

- tachicardia

- vomito

- affanno

Trattamento: come curare la polmonite?

Nella maggior parte dei casi di polmonite, il trattamento è costituito dall'assunzione di farmaci. I corticoidi (o corticosteroidi) permettono di ridurre l’infiammazione mentre il prednisone permette di alleviare i sintomi. Se l’infezione è di origine batterica, degli antibiotici dovranno essere prescritti.

In caso di polmonite grave, è possibile un’ospedalizzazione, accompagnata da ossigenoterapia, per facilitare la respirazione del paziente tramite una maschera o un tubo di plastica.

Eleonora Sanna
Continua a leggere
Nessuna connessione
Verificare i parametri