Il ragno più grande del mondo è stato trovato da uno scienziato in una foresta

Il ragno più grande del mondo è stato trovato da uno scienziato in una foresta

Mentre esplorava una foresta in Guyana, l'entomologo Piotr Naskercki si è trovato faccia a faccia con un ragno enorme. Si tratta di un ragno Golia, noto per essere il più grande ragno del mondo.

Avventurarsi in una foresta tropicale può riservare incontri più o meno piacevoli: Piotr Naskrecki non potrà certo dire il contrario. Questo entomologo del Museo di zoologia comparata dell'Università di Harvard viaggia spesso per osservare gli insetti nel loro habitat naturale. Ma, un giorno, ha fatto una scoperta davvero sorprendente, raccontandolo in seguito sul suo blog.

Ragno o mammifero? 

Il suo racconto si riferisce a qualche anno prima, quando esplorava, di notte, la foresta tropicale della Guyana, e sentì un rumore sospetto. "In piena notta ascoltai un rumore diverso dal solito, come di un animale che correva. Sentivo chiaramente le sue zampe che toccavano il terreno e le foglie secche che si piegavano sotto il suo peso" racconta l'entemologo. Si aspettava quindi di trovare un piccolo mammifero, un opossum o forse un ratto, ma si sbagliava.

"Quando ho acceso la luce, non potevo crederci", prosegue. La creatura di colore bruno sembrava effettivamente grosso come un ratto ma capì subito che non si trattava di un roditore. Vide rapidamente avvicinarsi un corpo con otto zampe: era un ragno Golia.

Il più grosso del mondo

Il ragno Golia, conosciuto anche come tarantola Golia o tarantola di Leblond (Theraphosa blondi) è un aracnide dalle dimensioni semplicemente impressionanti. Le sue zampe possono avere una lunghezza pari a 30 centimetri, 'come l'avambraccio di un bambino', e il suo corpo è largo come un 'grosso pugno' secondo Piotr Naskrecki, citato da LiveScience. Il suo peso può raggiungere i 170 grammi, ovvero il peso di un 'piccolo cane'.

Non stupisce, quindi, che la tarantola Golia sia il ragno più grande del mondo, come affermato anche dal Guinness World Record. "Vista la sua taglia gigantesca, questo ragno è probabilmente l'unico a fare rumore quando si muove. Le sue zampe hanno delle estremità rinforzate con degli artigli che causano un 'clic' ben distringuibile", ha precisato lo scienziato sul suo blog.

E non è il solo rumore emesso dalla creatura che gode di una cattiva reputazione vista la sua aggressività. Quando Piotr Naskrecki si è avvicinato al ragno, questo ha cominciato a strofinare le sue zampe posteriori contro il suo addome. "Pensavo fosse una cosa carina all'inizio... finche una serie di peli urticanti hanno colpito i miei occhi, che hanno iniziato a prudermi e a lacrimare per giorni interi!" ha spiegato.

Un predatore formidabile

La tarantola Golia è effettivamente un ragno molto combattivo, con una grande capacità difensiva ed offensiva. Lo stridio osservato dall'entomologo è in effetti solo un primo avvertimento. In seguito, l'animale bombarda l'intruso si peli urticanti cercando quindi di dissuaderlo. Per Piotr Naskrecki è stato più che sufficiente, in effetti, ma in caso il ragno è dotato di un'altra temibile arma: zanne lunghe diversi centimetri.

La tarantola di Lelblond è velenosa e fabbrica una sostanza neurotossica che comunque non è mortale per l'uomo. Tuttavia, le zanne possono portare a dei morsi molto, molto doloris. Sarebbe pari a "un'unghia piantata nella vostra mano" ha affermato l'entomologo. Anche se vi morde "un pollo potrebbe comunque fare più male" assicura.

Secondo uno studio del 2005 la grandezza della tarantola Golia, che esce dalla propria tana solo di notte, è causata da un metabolismo più lento rispetto a quello dei suoi 'cugini' e gli permette di ridurre il suo fabbisogno di ossigeno. In ogni caso, tali misure le permettono di cacciare prede relativamente grandi.

Tutto a portata... di zanna!

Nonostante sia nota come 'bird-eater' (mangiauccelli), la tarantola Golia in realtà non si nutre molto di uccelli. Si ciba, invece, anche di piccoli mammiferi, ad esempio di roditori ma anche rane ed insetti a volte più grandi di lei. "Attacca essenzialmente tutto ciò che le capita a tiro", afferma l'entomologo.

Leggi anche
Un anaconda inghiotte un'enorme preda davanti alle telecamere

Secondo quest'ultimo, la sua preda principale sono i vermi di terra, che fuoriescono dal terrento quando aumenta il livello dell'umidità. "I vermi di terra sono molto nutrienti", aggiunge. Le tarantole Golia possono vivere anche 10 anni, ma non sono così facili da trovare. Dopo più di 15 anni passati ad esplorare le foreste dell'America meridionala, Piotr Naskrecki ne ha incontrati solo tre.

"Due o tre anni dopo il mio primo incontro con la Theraphosa blondi, mi ritrovai di nuovo in America del Sud, camminavo solo durante la notte nella foresta tropicale del Suriname. All'improvviso, il mio piede ha sfiorato qualcosa di grosso e sono quasi caduto. Ero paralizzato dalla paura perché pensavo si trattasse di un serpente. E invece no, era solo un'altra tarantola Golia!", conclude.

Eleonora Sanna
Continua a leggere
Nessuna connessione
Verificare i parametri