Cos'è la cistifellea? A cosa serve?

La cistifellea: problemi, calcoli, cos'è? A cosa serve?

La cistifellea è un organo del sistema digestivo. Non è raro che si producano dei calcoli al suo interno che, se non trattati in tempo, possono causare delle complicazioni. Ecco un resoconto sulla cistifellea riguardanti le sue funzioni e le eventuali patologie ad essa associate.

Definizione e funzioni: cos'è la cistifellea?

La cistifellea è un organo dell'apparato digerente che ha come funzione principale la creazione e l'accumulo della bile prodotta dal fegato. La bile è un liquido composto da muchi, pigmenti biliari, sali biliari, colesterolo e sali minerali con lo scopo di facilitare la digestione. 

La cistifellea è situata vicino il fegato e la forma è simile a quella di una pera: è lunga circa 8cm e larga 4cm.

Cistifellea biliare e calcoli: sintomi e chirurgia 

Capita spesso che nella cistifellea si formino dei calcoli. I calcoli sono delle piccole pietre simili a cristalli che si formano quando la bile contiene una quantità ragguardevole di colesterolo, sali biliari o bilirubina, il pigmento presente nella bile. La forma, il numero e la grandezza dei calcoli può variare considerevolmente.

Possono infatti essere paragonabili ad un mucchietto di sabbia o ad una pallina da golf. Di conseguenza, i sintomi possono variare molto. Nella maggior parte dei casi, essi sono 'silenziosi', ovvero non provocano dolori e vengono rilevati per caso con un'ecografia. Non necessitano di cure, al netto di un'alimentazione equilibrata.

Leggi anche
Vuoi vivere a lungo? Ecco le cinque abitudini per vivere 10 anni di più

A volte, però, i calcoli possono anche portare a dolori intensi. Possono infatti occludere i vasi che mettono in comunicazione la cistifellea con il fegato. Dato che la cistifellea non potrà svuotarsi, essa si gonfierà e potrebbe provocare dolore. In questi casi potrebbero essere prescritte delle medicine per affievolire il dolore o anche un'operazione.

L'intervento consiste nella rimozione della cistifellea (colecistectomia) tramite una laparotomia (ovvero un'incisione nell'addome) o un laparoscopia (evitando quindi l'incisione). Quest'ultima tecnica riduce il rischio di complicazioni.

Cistifellea e cancro

La cistifellea potrebbe essere interessata da un cancro, sebbene si tratti di una forma molto più rara rispetto agli altri tumori dell'area digestiva. I casi sono meno di 2000 all'anno e riguardano da 2 a 3 volte in più le donne rispetto agli uomini, soprattutto sopra i 65 anni.

• Giada Di Matteo
Nessuna connessione
Verificare i parametri