La potomania: definizione, trattamento, rischi, di che si tratta?

Cos'è la potomania? Quali rischi comporta? Come si cura?

La potomania è un disturbo psicologico caratterizzato dal bisogno costante e incontenibile di bere acqua.

Definizione: cos’è la potomania?

La potomania è un disturbo psicologico caratterizzato dal bisogno costante e incontrollabile di bere acqua. Le persone affette possono infatti bere fino a dieci litri d’acqua al giorno, mentre la media è di solito di 1,5 litri.

Nonostante sia raccomandato di bere acqua regolarmente, un’idratazione così abbondante può avere delle conseguenze negative sull’organismo come ad esempio un edema cerebrale.

Sintomi della potomania

Oltre a un eccessivo consumo d’acqua, la potomania è accompagnata da poliuria, la quale consiste nella produzione frequente e in grande quantità di urina (più di tre litri al giorno). Il comportamento delle persone affette da potomania rimane molto discreto e la maggior parte delle volte passa inosservato.

Cause della potomania

La potomania può avere numerose e diverse cause:

-          diabete

-          psicosi o nevrosi infantile

-          lesione dei centri cerebrali della sete

-          schizofrenia e demenza

-          oligofrenia

-          ritardo mentale

-          disturbi neurologici

-          disturbi psicoanalitici

Rischi e conseguenze della potomania

Leggi anche
Vuoi vivere a lungo? Ecco le cinque abitudini per vivere 10 anni di più

Le conseguenze della potomania possono essere molto gravi. Superati i dieci litri al giorno, l’organismo non riesce più ad assorbire tutta l’acqua bevuta. Ciò implica un’idratazione eccessiva delle cellule e un basso tasso di sale nel sangue.

Questo fenomeno può provocare l’apparizione di un edema nel cervello. Nei casi peggiori, la potomania può quindi rivelarsi mortale.

Trattamento della potomania

Il trattamento migliore per la potomania prevede psicoterapia e psicoanalisi. Un metodo di trattamento progressivo può essere adoperato. Si tratta di far diminuire progressivamente il consumo d’acqua del paziente prefissando degli obiettivi da rispettare.

• Giada Di Matteo
Nessuna connessione
Verificare i parametri