MCV: definizione, ruolo, come analizzare i risultati?

MCV: cosa indica? A cosa serve?

Il volume globulare medio o MCV indica la dimensione dei globuli rossi che circolano nel sangue. Serve principalmente a individuare anemia, alcolismo cronico o una patologia epatica.

Cos'è l’MCV?

Il volume globulare medio (MCV) è di solito valutato, insieme a numerosi altri elementi, in caso di emogramma. Questa misurazione, effettuata in femtolitri (fL), è il risultato della divisione del volume dei globuli rossi in rapporto al volume totale di sangue (ematocrito) per numero di globuli rossi in un millimetro cubo di sangue.

Il dosaggio dell’MCV

La valutazione dell’MCV si ottiene attraverso le analisi del sangue. La puntura venosa viene realizzata di solito in un laboratorio di analisi biologiche e viene effettuata sul braccio.

L’MCV non è uno degli esami per cui bisogna necessariamente essere a digiuno, tuttavia, è preferibile non mangiare prima dell’esame per evitare di falsare i risultati. È inoltre importante comunicare all'infermiere l’assunzione di qualsiasi farmaco.

I risultati sono pronti in 24-48 ore. L’MCV è considerato normale quando il valore è compreso tra 82 e 98 fL (74 e 91 fL nel bambino).

Tasso troppo basso: cosa significa?

Quando il dosaggio dell’MCV è inferiore a 80 fL, si parla di microcitosi. Ciò significa che il volume dei globuli rossi è minore alla media. Questo tipo di fenomeno si nota soprattutto in caso di anemie dette "sideropeniche", cioè anemie causate da una carenza di ferro. Esse possono essere provocate da un apporto nutritivo insufficiente, da un sanguinamento digestivo o uterino o da un malassorbimento del ferro.

D’altra parte, il tasso dell’MCV può essere più basso del normale anche quando il dosaggio del ferro non lo è. In questo caso, il medico si orienta verso la diagnosi di una talassemia, cioè una forma di anemia ereditaria che causa una produzione di emoglobina insufficiente.

Tasso troppo elevato: cosa significa?

Leggi anche
Ecco ciò che succede al tuo corpo se non bevi alcol per un mese

Il paziente soffre di microcitosi quando l’MCV è superiore a 100 fL. I suoi globuli rossi sono quindi troppo grandi. Ciò avviene quando vi è carenza di vitamine B12 o B9. Infatti, questi due elementi intervengono nel processo di fabbricazione dei globuli rossi nel midollo osseo (anemia megaloblastica).

Quest’esame biologico viene utilizzato anche per individuare il consumo cronico di alcol, ipotiroidismo, mielodisplasia o una patologia epatica. L’MCV può aumentare anche a causa di alcuni farmaci (immunosoppressori) o della chemioterapia.

 

Eleonora Sanna
Nessuna connessione
Verificare i parametri