Ecco gli 11 strumenti di tortura più crudeli della storia

  • Il separatore di ginocchia: le ginocchia della vittima venivano posizionate in mezzo agli spuntoni. Quando questi ultimi venivano avvicinati stritolavano le ginocchia, storpiando la vittima.
  • Il bambù: la vittima veniva posizionata sopra una pianta di bambù ed immobilizzata. La pianta, che cresce fino a 90 cm in un giorno, attraversava il corpo della vittima che finiva dissanguata.
  • La sega: si appendeva la vittima a testa in giù (in modo da rimanere cosciente più tempo). Due persone tagliavano quindi il corpo in due.
  • La pera del papa: veniva introdotta nella bocca, nel retto o negli organi genitali della vittima... e veniva quindi aperta. Ahia.
  • Lo squartamento: il boia dapprima strangola la vittima (senza ucciderla) ed in seguito la squartava,tagliando infine gli organi genitali. Per conclidere, gli organi venivano bruciati e la vittima veniva decapitata.

Scopriamo insieme 11 strumenti di tortura molto utilizzati nel corso della storia. Siamo certi di una cosa: a nessuno piacerebbe provarli sulla propria pelle!

• Giada Di Matteo
Le ultime parole dei condannati a morte

Le ultime parole dei condannati a morte


Nessuna connessione
Verificare i parametri