Condannato a 160 anni di carcere perché voleva imitare GTA
Condannato a 160 anni di carcere perché voleva imitare GTA
Continua a leggere

Condannato a 160 anni di carcere perché voleva imitare GTA

L'ora è arrivata, la stupidità umana ha raggiunto un nuovo picco. Il colpevole? Ryan Stone, residente a Denver, è stato condannato a 160 anni di carcere per aver tentato di riprodurre scene di Grand Theft Auto nella vita reale.

Se la sentenza sembra a prima vista assolutamente esagerata, va detto che Ryan Stone non è al suo primo arresto e il suo status di recidivo non ha ovviamente giovato al suo caso

Che idea...

Se l'atto in sé è già sbagliato, Ryan Stone ha aggravato il suo caso vantandosi in un'intervista con una giovane donna in carcere di aver commesso questi atti al fine di recuperare le entrate pubblicitarie di Youtube. Infatti, diversi canali di informazione hanno coperto l'evento e pensava di avere "diritti" sulle immagini utilizzate. Si vanta persino di aver visto il suo inseguimento su canali inglesi e australiani... Che classe!

Sfortunatamente, non ha i diritti su ciò che risulta essere una prova inconfutabile di colpevolezza e, anche se fosse, le entrate generate su Youtube dalla sua cavalcata sono stimate a meno di $ 5000.

Scopri nel video cosa ha combinato questo folle per riprodurre le scene di GTA! 

Di Paola Gentile

Nessuna connessione
Verificare i parametri