Riceve una bolletta del gas di 540.000 euro!

Riceve una bolletta del gas di 540.000 euro!

Dire bolletta salata è dire poco. Quella che è arrivata ad un albergatore di Bassano, Roberto Astuni, lascia davvero senza parole. Una somma a tanti zeri che ha mandato l’uomo in piena crisi…

Una vicenda che ha dell’incredibile quella capitata a quest’uomo che si è visto recapitare una bolletta del gas davvero esorbitante. E non è l’unico caso. Ci sarebbero infatti dei pensionati che, per il semplice consumo domestico, dovrebbero pagare circa 8.000 euro. Insomma diverse segnalazioni che hanno fatto scattare un campanello d’allarme.

A cosa sono dovute queste somme esorbitanti e come difendersi da possibili errori? Ti diamo tutti i dettagli nel video!

Le cose da sapere

Per evitare di dover pagare bollette salate ci sono degli errori che non si devono assolutamente commettere:

-Attivare un’offerta luce e gas sbagliata. Attualmente sul mercato libero c’è una vasta offerta di tariffe a prezzo bloccato, tutto compreso. La maggior parte di esse offrono un risparmio rispetto alla tariffa a Maggior Tutela. Tuttavia, scegliere un’offerta non adatta al proprio profilo può comportare una spesa elevata.

Leggi anche
Il sosia polacco di Gianluca Vacchi: ha 30 anni, ma vuole sembrare un 50enne

-Attivare una tariffa bioraria ma utilizzarla male. Queste offerte presentano prezzi differenziati secondo i momenti della giornata e i giorni della settimana, molto convenienti purché si riesca a concentrare almeno il 70% dei consumi nelle ore comprese tra le 19 alle 8 del mattino nei giorni feriali e durante tutto il weekend e i festivi. Se non si riesce però a spostare i consumi con le tariffe biorarie si paga di più.

-Esagerare con l’uso del condizionatore. Un uso poco attento di questo elemento può far lievitare la bolletta rapidamente. Utilizzandolo con accortezza con il programma deumidificazione e abbinandolo a un ventilatore è possibile risparmiare fino al 75% della spesa energetica annua.

Fonte: Il giornale di Vicenza

• Tommaso Longhi
Continua a leggere