Un passeggero ha costretto l'aereo ad un atterraggio d'emergenza
Un passeggero ha costretto l'aereo ad un atterraggio d'emergenza
Un passeggero ha costretto l'aereo ad un atterraggio d'emergenza
Continua a leggere

Un passeggero ha costretto l'aereo ad un atterraggio d'emergenza

Un volo dalle Canarie ad Amsterdam ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza in Portogallo. Il problema? L'odore nauseabondo proveniente da un passeggero.

I passeggeri del volo Transavia Airlines verso Amsterdam, Paesi Bassi, non dimenticheranno certo il loro viaggio per molto tempo. Non appena l'aereo è decollato, sono stati subito infastiditi e disgustati da un odore particolarmente nauseabondo, un odore "insopportabile" la cui origine non era difficile da determinare.

L'odore non proveniva dai bagni intasati o dai vassoi di cibo avariato, ma da uno dei passeggeri. "Era come se non si lavasse da diverse settimane, alcuni passeggeri si sono sentiti male e hanno vomitato", ha detto uno dei viaggiatori, Piet van Haun, al quotidiano britannico Express mentre stava scendendo dall'aereo. Gli assistenti di volo hanno cercato di fare quello che potevano, anche confinando il passeggero verso il bagno.

Ma non è stato sufficiente. Il pilota alla fine ha deciso di deviare dalla sua traiettoria iniziale e fare un atterraggio di emergenza in Portogallo per evacuare il passeggero in questione, Andrey Suchilin, un russo di 58 anni. Sfortunatamente per lui, l'odore non è il risultato di una mancanza di igiene, il motivo purtroppo è peggiore.

Un'infezione simile alla peste

Consegnato ai servizi medici all'aeroporto di Faro, il chitarrista russo è stato ricoverato in ospedale. Dalla sua stanza, è riuscito a pubblicare un messaggio su Facebook che spiegava di aver contratto un'infezione durante il suo soggiorno nelle Isole Canarie senza specificare cosa fosse.

Poco dopo, anche sua moglie ha parlato sul social network, descrivendo le loro difficoltà con la compagnia assicurativa e dicendo che Suchilin aveva già consultato un medico spagnolo prima di partire. Il medico gli diagnosticò "un'infezione comune contratto in spiaggia" e gli prescrisse antibiotici, facendolo tornare a casa.

All'ospedale portoghese, lo stato di salute dell'uomo tuttavia è peggiorato rapidamente, spingendo i medici a stabilire una diagnosi molto più accurata. Gli esami hanno rivelato che Andrey Suchilin soffruva di fascite necrotizzante, un'infezione che non manifesta necrosi tessutale.

Un "batterio carnivoro"

La fascite necrotizzante è una malattia rara, ma le sue conseguenze possono essere drammatiche o addirittura potenzialmente fatali. Può essere causata da diversi batteri tra cui specie del genere Streptococcus. Questi microrganismi vengono regolarmente soprannominati "batteri carnivori", sebbene questo nome non rifletta completamente la loro modalità di azione.

Generalmente, i batteri entrano nella pelle attraverso un taglio o una bruciatura. Una volta nel corpo, rilasciano varie tossine che impediscono il funzionamento di alcuni dei vasi sanguigni e la fornitura di ossigeno di cellule e organi. Alla fine questo effetto, unito a quello di altre tossine, provoca la morte cellulare e la necrosi dei tessuti.

I sintomi sono vari e possono essere discreti all'inizio, come un leggero eritema o un lieve gonfiore o febbre, rendendo difficile la diagnosi. Tuttavia, l'infezione di solito peggiora rapidamente e porta alla comparsa di bolle e una maggiore eruzione cutanea. Successivamente, inizia la necrosi del tessuto e l'attacco può essere localizzato agli organi.

L'analisi medica è arrivata troppo tardi

La fascite necrotizzante richiede una gestione e un trattamento urgenti per rallentare la crescita dei batteri e la progressione della necrosi. Sfortunatamente per Andrey Suchilin, questa analisi medica è arrivata troppo tardi dato che l'infezione aveva già intaccato il suo cuore, i reni e i polmoni.

Nonostante la tragica situazione in cui versava l'uomo per i passeggeri del volo non è stata una bella esperienza...

Ti raccontiamo tutto nel video!

Di Paola Gentile
Modificato

Nessuna connessione
Verificare i parametri