Questi vermi giganti hanno invaso l'Europa negli ultimi 20 anni: il loro aspetto è davvero inquietante
Questi vermi giganti hanno invaso l'Europa negli ultimi 20 anni: il loro aspetto è davvero inquietante
Questi vermi giganti hanno invaso l'Europa negli ultimi 20 anni: il loro aspetto è davvero inquietante
Continua a leggere

Questi vermi giganti hanno invaso l'Europa negli ultimi 20 anni: il loro aspetto è davvero inquietante

Di Giada Di Matteo
Modificato
I ricercatori hanno identificato alcune specie di vermi piatti giganti originari dell’Asia giunti fino in Europa.

Un'invasione che parte dall'Asia ed arriva fino in Europa. Possono misurare fino a 40 centimetri di lunghezza. Sono originari dell’Asia e invadono il nostro ecosistema da una ventina di anni.

Il primo allarme è stato dato da Jean-Lou Justine del Museo nazionale di storia naturale di Parigi. In un articolo pubblicato nel giornale PeerJ, egli spiega che questa specie esotica potrebbe distruggere alcuni anelli essenziali della catena del nostro ecosistema, in particolare il verme di terra.

Tra il 1999 e il 2017 questi vermi sono stati oggetto di 111 osservazioni. Ne sono state identificate almeno cinque specie diverse in Francia metropolitana e nei territori francesi d’oltre mare dei Caraibi, dell’America del Sud e dell’Oceania.

Una minaccia latente

Dietro il loro aspetto insolito e pacifico si nascondono dei veri e propri predatori. Questi invertebrati si nutrono infatti degli animali presenti nel sottosuolo ed in particolare di vermi di terra. Per cacciare immobilizzano la preda avvolgendola, per poi secernere una tossina mortale, la tetrodotossina.

L’altro dato preoccupante è che questa specie si riproduce per clonazione. Più precisamente il verme perde un piccolo pezzetto della coda alla quale dopo una decina di giorni spunta una testa e che nel giro di venti giorni è divenuta un nuovo esemplare perfettamente autonomo.

Se questi vermi decimano i lombrichi, che hanno un ruolo fondamentale nella formazione e nella fertilizzazione dei nostri suoli, le conseguenze potrebbero essere drammatiche. Secondo Jean-Lou Justine, per il momento è impossibile determinare la gravità della minaccia.


Nessuna connessione
Verificare i parametri